Reaction

Reaction è una collettiva di oltre venti artisti riuniti per raccontare il dopo Covid-19: questi sono giorni in cui l’arte può darci una spinta per trovare un’altra strada, una reazione, e soprattutto per non tornare del tutto quelli di prima. Così la raccontano i curatori Filippo e Martina Bacci di Capaci.

“La nostra mostra, emblematicamente intitolata Reaction, si prefigge di evidenziare le sensazioni e le reali e oggettive trasformazioni intervenute nella nostra vita negli ultimi mesi. Un microscopico virus ha evidenziato la debolezza dei sistemi sanitari delle nazioni, in special modo di quelle considerate tecnologicamente all’avanguardia, e la vulnerabilità dell’economia globale. È il momento di fare decisive modifiche al nostro stile di vita, alle nostre politiche economiche ed in generale al comportamento autoritario e presuntuoso dell’uomo, soprattutto dell’uomo di potere. Non possiamo ripartire con lo stesso atteggiamento, non possiamo ripartire con gli stessi atteggiamenti pre-Covid”.

Alexey Morosov, Andrea Perelli, Anna Bianchi, Betina Nielsen, Bill Howard, Chiara Lera, Cinzio, David Finkbeiner, Diana Edmunds, Emanuele Giannelli, Fabio Sciortino, Federica Filippelli, GAME, Giulia-Noeyes, Giulia Perelli, Giulia Santarini, Libero Maggini, Nicoletta Niccoli, David Paolinetti, Roberto Barberi, Roberto Baronti, Rolenzo & Biancoshock, Silvia Tuccimei, Vidà.